Domus

Scuola dell'infanzia Domus Pascoli

+39 0541 931412
Via G.Pascoli, 46 - 47030 - San Mauro Pascoli (FC)

Calendario scolastico:
Scarica

Calendario delle festività scolastiche:
Scarica

Nolli polo scolastico

Polo scolastico "G.Nolli"

+39 0541 720610
Via Brava, 8 - 47921 - Torre Pedrera (RN)

Calendario scolastico:
Scarica

Calendario delle festività scolastiche:
Scarica

La scuola dell'infanzia

La scuola dell'infanzia è un'istituzione che si pone come area di intersezione tra la famiglia e il mondo esterno.
È un'area dove si collocano tutti i fenomeni transizionali, in modo specifico il gioco e i processi di simbolizzazione (Winnicott).

L'ingresso alla scuola dell'infanzia costituisce per il bambino un passaggio cruciale, infatti intorno ai tre anni egli comincia a percepire nettamente una differenza tra mondo interno e mondo esterno: il bambino diviene più consapevole di sé, dei propri limiti e delle proprie risorse e comincia a percepire in maniera più netta i suoi confini egocentrici rispetto al mondo esterno.
Si trova in una condizione di oscillazione tra dipendenza e autonomia (aggiustamento costante madre-bambino), con l'esigenza che siano accolti i suoi bisogni regressivi e al contempo sostenuti i suoi movimenti di crescita.

Scuola dell'infanzia Domus Pascoli
Polo scolastico G.Nolli
Disegni alla nostra scuola d'infanzia

La presenza di insegnanti motivati, preparati, attenti alla specificità dei bambini e dei gruppi di cui si prendono cura, è indispensabile fattore di qualità per la costruzione di un ambiente educativo accogliente, sicuro, ben organizzato, capace di suscitare la fiducia dei genitori e della comunità.
Lo stile educativo dei docenti si ispira a criteri di ascolto, accompagnamento, interazione partecipata, mediazione comunicativa, con una continua capacità di osservazione del bambino, di presa in carico del suo "mondo", di lettura delle sue scoperte, di sostegno e incoraggiamento all'evoluzione dei suoi apprendimenti verso forme di conoscenza sempre più autonome e consapevoli.

La progettualità si esplica nella capacità di dare senso e intenzionalità all'intreccio di spazi, tempi, routine e attività, promuovendo un coerente contesto educativo, attraverso un'appropriata regia pedagogica.
La professionalità docente si arricchisce attraverso il lavoro collaborativo, la formazione continua in servizio, la riflessione sulla pratica didattica, il rapporto adulto con il sapere e la cultura.
La costruzione di una comunità professionale ricca di relazioni, orientata all'innovazione e alla condivisione di conoscenze, è stimolata dalla funzione di leadership educativa della dirigenza e dalla presenza di forme di coordinamento pedagogico. (da "Indicazioni nazionali per il curricolo 2012")

La scuola paritaria Domus Pascoli riconosce e condivide le linee delle Indicazioni Nazionali per il Curricolo del 2012:

  • Sviluppare e consolidare l'identità
  • Sviluppare l'autonomia, la fiducia di sé e degli altri
  • Acquisire le competenze
  • Vivere le prime esperienze di cittadinanza

La nostra Scuola dell'Infanzia cerca di applicare le linee guida e i principi essenziali de "La pedagogia della lumaca" di Gianfranco Zavalloni, traendo dalla conoscenza dei vissuti personali e dalle regole comuni dello stare insieme, il piacere del perdere tempo, programmando le attività con elasticità, rispettando i tempi e ritmi dei nostri bambini.

La Pedagogia della Lumaca, intesa come strategie didattiche di rallentamento, si propone, come sosteneva anche Rousseau, di perder tempo per guadagnarne. Con questo proposito si evidenzia che quello che a volte ci appare come tempo perso è in realtà il modo più idoneo per favorire i processi di apprendimento e di crescita degli alunni.

  • Perdere tempo ad ascoltare - vogliamo insegnare ascoltando e raccogliendo i vissuti e le emozioni di ogni bambino.
  • Perdere tempo a parlare – in una società che va sempre più di fretta per essere sempre più produttiva, vogliamo parlare con i bambini e non solo dei bambini.
  • Perdere tempo nel rispetto – vita di gruppo, conoscenza, affetti, nascono dall'ascolto e dal rispetto di tutti gli interlocutori scolastici, rispettando i tempi e i ritmi di ognuno.
  • Perdere tempo per scegliere – organizzando insieme ai bambini spazi ed attività, dove possono sentire la responsabilità di ciò che hanno scelto, creando le basi per i cittadini di domani.
  • Perdere tempo per giocare – per permettere al bambino di sperimentare, esprimersi, capire il mondo, entrare in rapporto con gli altri, imparare a risolvere conflitti e scoprire atteggiamenti che fanno vivere bene insieme.
  • Perdere tempo per passeggiare – camminare, muoversi a ritmo lento per vivere in un territorio e conoscerlo, osservare e riconoscere gli elementi naturali presenti nel nostro ambiente e per il piacere di stare assieme ai bambini condividendo le loro scoperte.
  • Perdere tempo per crescere – per prepararci al futuro è necessario dare tutto il tempo e lo spazio al nostro presente, per capire ed esercitare tutte le nostre potenzialità sensoriali, relazionali ed espressive del nostro corpo.

La scuola, secondo tale metodologia, diventa uno spazio di crescita nel quale ad ognuno è consentito di esprimersi senza riserve e nel rispetto dei suoi ritmi, entrando in relazione con gli altri.

Si deve perdere tempo per darsi tempo, ossia per scoprire ed apprezzare le piccole cose, quelle che magari diamo per scontate, ma che in realtà non lo sono, soprattutto per i nostri alunni, che vivono ogni esperienza con la gioia dello stupore.

Secondo Zavalloni "la scuola è un concentrato di esperienze, una grande avventura che può essere vissuta come se fosse un viaggio, un libro da scrivere insieme, uno spettacolo teatrale, un orto da coltivare, un sogno da colorare".

L'utilizzo degli spazi esterni alla scuola, non rappresenta solo un'opportunità funzionale al gioco di movimento e alla "ricreazione" dei bambini, allo sviluppo corporeo e al benessere della salute, ma può dare vita ad una modalità formativa particolarmente coinvolgente e stimolante.

Studi condotti pressi i Servizi 0-6 hanno fornito chiare evidenze del miglioramento dei bambini a cui è stato permesso di trascorrere molto tempo all'aperto, contrariamente ai bambini che non hanno potuto godere di tale esperienza.

I miglioramenti sono stati riscontrati in numerose aree e precisamente quelle così definite da Kuno Beller (1995):

  • dominio delle funzioni corporee
  • consapevolezza dell'ambiente circostante
  • motricità generale
  • motricità fine (o capacità d manipolazione)
  • sviluppo cognitivo

Rimangono pochi dubbi quindi, sul fatto che il rapporto diretto con l'ambiente esterno/naturale e spazi verdi, costituisca uno snodo centrale dal punto di vista formativo per bambini anche piccoli.

(Alessendro Bortolotti, Come valorizzare un "giardino d'infanzia" partendo da un'altalena, da "Infanzia" 2015, pag. 58).

Pertanto, anche la Scuola dell'Infanzia Domus Pascoli, darà vita nel corso dell'anno scolastico a percorsi di Outdoor Education per aumentare il benessere generale dei bambini.

Ore 7.45 – 9.00
Ingresso e accoglienza bambini

Ore 9.15 – 9.30
Spuntino con frutta

Ore 9.30 – 10.00
Angolino: momento di condivisione, ascolto, lettura, conversazione libera e guidata...

Ore 10.00 – 11.15
Attività educativa–didattica in sezione
Gioco libero
Momenti di intersezione in piccolo gruppo o gruppo allargato nel salone comune

Ore 11.15 – 11.45
Preparazione al pranzo

Ore 11.45 – 12.30
Pranzo

Ore 12.30 – 14.00
Gioco libero e organizzato

Ore 13.00 – 13.30
Riposo pomeridiano per i piccoli

*Prima uscita dalle 12.30 entro e non oltre le 14.00

Ore 14.00 – 15.00
Attività educativa–didattica in sezione

Ore 15.15 – 15.30
Merenda

*Seconda uscita dalle 15.30 entro e non oltre le 16.00

Tempo prolungato:
Ore 16.00 – 18.15
Attività ricreativa o gioco organizzato

*Ultima uscita entro e non oltre le 18.15

* L'uscita oltre l'orario stabilito prevede l'applicazione della tariffa oraria

La scuola invita tutti al rispetto degli orari di ingresso e di uscita per garantire alle insegnanti la riuscita delle attività didattico-educative ed ai bambini di partecipare attivamente alle routine e alle proposte quotidiane.

Durante l'anno scolastico verranno fissati dei colloqui individuali tra le insegnanti di Sezione e i genitori per parlare del bambino, delle sue relazioni tra i pari e con l'adulto, insieme ad alcune riflessioni sull'andamento scolastico, allo scopo di generare un confronto e creare una rete educativa significativa tra scuola e famiglia.
Le insegnanti, oltre a questi momenti strutturati, sono a disposizione ogni qualvolta dovesse verificarsi la necessità da parte del genitore di un confronto specifico sul bambino.

La nostra scuola è solita realizzare una continuità verticale con le scuole primarie del territorio nelle quali saranno inseriti i bambini dell'ultimo anno di scuola materna, attivando un progetto mirato a tale passaggio che comprende incontri specifici nei vari plessi, al fine di informare il genitore sulle attività maggiormente significative e modalità di lavoro che ogni scuola primaria propone.

L'obiettivo di tale proposta, è quello di lavorare in sinergia e continuità assieme alle insegnanti delle scuole primarie, costruendo progetti comuni in un'ottica di lavoro educativo non più settoriale e frammentato, ma integrato e condiviso.

Sempre in un'ottica di continuità didattica ed educativa, anche all'interno della stessa scuola dell'infanzia viene pensato un progetto di continuità tra sezione primavera del "Nido Il Girasole" (o con altri nidi del territorio) e scuola dell'infanzia Domus, per facilitare il naturale passaggio dei bambini a una nuova realtà scolastica".

Dove trovare i nostri centri